Dr Mario Fusco
Neurochirurgo

SIAMO GIOVANI FINO A QUANDO LO E' LA NOSTRA COLONNA VERTEBRALE.
ABBINE CURA!

Specializzato in Neurochirurgia nel 1999, dopo aver frequentato gli ultimi due anni in Germania, presso il Nordstadt Hospital e la Facoltà di Medicina e Chirurgia di Hannover. Dal 2000 a 2007 Dirigente medico di I livello presso l’Ospedale Civile di Bergamo e dal 2007 al 2016 Aiuto presso la Clinica Humanitas Gavazzeni. Dal 2007 al 2016 Direttore Scientifico e Responsabile della Divisione di Terapia e Riabilitazione delle Patologie Vertebrali del Poliambulatorio Gemini di Bergamo. Dal 2017 al 2019 Responsabile della Chirurgia Vertebrale presso la Clinica San Carlo di Paderno Dugnano (MI). Fondatore nel 2019 dell’OSC, Orobic Spine Center, Istituto Orobico di Patologia Vertebrale: team polispecialistico impegnato nella ricerca clinica e nello studio di terapie mediche, riabilitative e chirurgiche per le patologie della colonna vertebrale.

Il Dott. Mario Fusco affronta le problematiche inerenti le Patologie della Colonna Vertebrale e del Midollo Spinale dal primo e più immediato aspetto clinico-diagnostico a quello terapeutico d’impronta medica, chirurgica e riabilitativa, collaborando con rinomate Strutture Ambulatoriali, Cliniche e Case di Cura, sia private che private/accreditate SSN, in Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Campania.

Intervista Al Dr. Mario Fusco Neurochirurgo

Paziente al centro

La superspecializzazione del medico, cui la medicina moderna tende oggi, ha portato ad una “frammentazione” dell’ammalato in tanti segmenti del corpo oltre a sottovalutare spesso il peso della psiche. Il paziente, invece, è posto al centro di una osservazione multispecialistica concordata che conduce ad una visione globale dell’ammalato ed a una strategia di cura individualizzata e più efficace.
 

Multidisciplinarietà “affiatata”

Multidisciplinarietà non vuol dire più specialisti insieme, ma più specialisti con una programma condiviso. La conoscenza da parte dei  medici della strategia terapeutica, a questo punto concordata, evita all’ammalato ritardi diagnostici e terapeutici, conduce ad una visione globale del paziente e consente l’attuazione di una strategia terapeutica mirata.

Continuità assistenziale

Il paziente  è assistito senza interruzione per tutta la durata del percorso diagnostico e terapeutico. L’ammalato, può comunicare agli specialisti coinvolti nel percorso di cura le sue condizioni ed i suoi progressi, contando su una costate reperibilità del medico e sulla possibilità, se necessario, di una pronta variazione della terapia farmacologica e/o del percorso terapeutico. 

L’ impiego di una miscela di gas costituita da Ossigeno/Ozono (O2/O3) è ormai da tempo utilizzata nel trattamento del dolore di origine vertebrale, sia esso dovuto ad una patologia degenerativa della colonna (artrosi) o alla presenza di un vero conflitto disco-radicolare (ernia del disco). La letteratura scientifica riconosce ampiamente a questa terapia una efficacia terapeutica almeno pari a quella di altri trattamenti, sottolineando sia la bassa incidenza di effetti collaterali dovuti all’azione propria del gas, sia quella di complicanze relative alle tecniche di applicazione, qualora vengano attuate “da mani esperte e nel rispetto delle Linee Guida.”

Mario Fusco
Istituto Orobico Di Patologia Vertebrale

Via Alberto da Giussano, 12 24068 Seriate